www.tennis-time.it - itf wheelchair

Luca Arca vince singolo e doppio nel wheelchair

Conferma il pronostico della vigilia Luca Arca che sigilla alla Canottieri Padova la ventitreesima edizione dell’Itf di grado 3 “Commit Open”, torneo internazionale di tennis in carrozzina. Vince tutto Arca, numero 30 del mondo e prima testa di serie del seeding, che nell’Open che fa suo il singolare e bissa il successo nel doppio in coppia con l’austriaco Martin Legner.

Nel singolare Open Arca in finale batte in due set (6-4 6-3) il francese Nicolas Charrier, numero 4 del tabellone. Charrier in semifinale aveva avuto la meglio sulla testa di serie numero 2, l’austriaco Martin Legner (7-6 6-4) numero 34 del mondo. Dalla sua parte Arca in semifinale aveva eliminato, senza lasciare un game, l’ex numero 1 del mondo il francese Laurent Gianmartini.

luca arca

Nel doppio Arca e Legner, sempre in due set 6-3 6-4, hanno portato a casa il titolo sui francesi Gianmartini e Charrier. Da segnalare che Legner per il terzo anno di fila si aggiudica il doppio con partner sempre diversi. In semifinale si fermano le coppie formate da Dario Benazzi e Giovanni Zeni, Diego Amadori e Luca Spano.

In totale sono stati sei i tabelloni disputatesi, oltre aquelli del singolare maschile e del doppio maschile Open, in campo anche gli atleti del singolare maschile e del doppio maschile quad, e due tabelloni di consolazione Open e Quad.

Nel tabellone del quad Alfredo Di Cosmo a sorpresa vince sulla testa di serie numero 1 Alberto Saja chiudendo il match 6-1 6-3. Ottimo torneo per Di Cosmo che aveva superato in semifinale anche la testa di serie numero 2 Ivano Boriva 6-2 6-1. Mentre Saja con un doppio 6-0 aveva fermato il francese Kevin Gerard. Nella gara del doppio quad si rifanno Boriva e Saja che vincono lasciando al secondo posto Alfredo Di Cosmo e il peruviano Edwin Garcia Grandez.

Nel tabellone di consolazione Open vince Erik Scalvini Lozano su Giovanni Zeni 6-1 6-0 e in quello del quad Laurence Maisonnave su Massimo Girardello 6-1 6-0.

Direttore del torneo Vladimiro Amato e giudice arbitro Fabio Buccolini.