www.tennis-time.it - marfia

Finale vicentina all’Open di Camposampiero

Al Lotario Monti di Camposampiero  l’Open maschile con 2.000€ di montepremi è giunto all’ultimo atto. Erano una quarantina i giocatori a confronto dai 3.5 alla prima categoria diretti da Maria Teresa Zecchino. Draw giunto alle semifinali.

masetti

Le gare di oggi sabato 2 luglio vedevano il trevigiano Matteo Marfia con il vicentino Tommaso Dal Santo e a seguire il mestrino Matteo Viola con il vicentino Marco Carretta. Quest’ultima partita è andata in favore di Carretta per il forfait di Viola, la cui moglie è in attesa del secondo figlio.

viola

 Domenica 3 Luglio l’incontro di finale sarà alle ore 17,00. Sarà quindi una finale tutta vicentina e tutta targata Comunali. Dal Santo è sembrato molto in palla e Marfia che nella semifinale non ha avuto il medesimo rendimento dei giorni scorsi. Marfia nel penultimo step si è confrontato con l’ultimo dei padovani rimasto in gara, Tommaso Parpajola del Plebiscito.

parpaiola

Ultimo perché quello precedente è stato Umberto Ciato del Tc Padova che, nonostante una buona prova, contro il favorito del seeding Matteo Viola, ha rimediato soltanto un game.

ciato

Tornando alla gara di Parpajola che è riuscito a portare a casa almeno 4 giochi su Marfia, si sono visti buoni progressi per il 17enne padovano. Conscio della sua mission impossible, ha giocato la gara senza freni, alternando bordate a palle corte, dove tra i due avversari, quello che ne ha sbagliate di meno è stato Marfia. Il trevigiano abituato nel gioco stretto, a rete, grazie anche al suo buon rendimento nel circuito Atp dei doppi, ha fatto vedere alla cinquantina di presenti come si eseguono le volèe con manualità da showman.

carretta

L’altro padovano Umberto Ciato under 18 del Tc Padova anche lui classifica 2.6,  ha fatto vedere il suo bel gioco, brioso, ma contro il granitico Viola è riuscito a portare a casa soltanto un gioco. E dire che l’incontro è durato più di un’ora e mezza e, nonostante il tabellino registri un secco 6-0 6-1, gli scambi visti ed i numerosi punti giocati, quelli più importanti sono andati in favore del mestrino. Per Ciato rimane una bella esperienza per capire quanto serve per affacciarsi a livelli più alti.

dal santo