www.tennis-time.it

La finale del doppio di Gaiba a Reymond e Virgili

Domani la finalissima degli Internazionali di tennis su erba naturale all’ASD Tennis club Gaiba  e oggi nel doppio vincono Virgili e Reymond. E’ stata una settimana intensa e bellissima, un’esperienza che ha lasciato il segno in un’intera comunità, domani si va a concludere la prima edizione degli Internazionali di tennis su erba, evento ospitatoall‘ASD Tennis club Gaiba in provincia di Rovigo. 

Oggi è stato il turno della finale della gara del doppio, con un po’ di Italia in campo da entrambi i lati della rete. A vincere è stato il duo italo-francese composto da Arthur Reymond e Augusto Virgili che con il punteggio di 7-5 6-4 si sono imposti su Luciano Darderie l’austriacoDavid Pichler. Nelle semifinali Arthur Reymond e Augusto Virgili avevano battuto 7-6 6-4 Francesco Vilardo e Robert Strombachs. Nel lato alto del tabellone Luciano Darderie David Pichler 3-6 6-3 10-8 a Luca Potenza e Cristian Rodriguez. Giudice di sedia della finale Sasha Proietti.

Nelle semifinali del singolare il tedesco Mats Rosenkranz numero 578 ATP, ha battuto in due set il russo Kirill Kivattsev (759 ATP) in due set 6-2 6-4. Un’ora e quindici minuti di gioco, 5 aces per parte ma un 100% dei punti vinati con la prima palla dal tedesco hanno fatto la differenza. 58 i punti immagazzinati da Rosenkranz contro 38 e tre break point messi a segno per il primo finalista del torneo. Rosenkranz ha 22 anni, è 193 cm di altezza per 83 kg, nato ad Essen, è alla seconda finale stagionale dopo quella persa in Kazakistan a fine gennaio.

Molto equilibrata, tanto che è terminata al tie-break del terzo set, la seconda semifinale che è stata vinta da Benjamin Lock (ZIM – 460ATP) su Antoine Bellier (SUI – 513), 7-6 2-6 7-6. Entrambi dotati di un ottimo servizio e di un buon gioco di rete hanno dato vita ad un match che ha appassionato il numeroso pubblico presente. Lock, accreditato della testa di serie numero 5, ha 28 anni, è alto 198 cm e pesa 86 kg. Dal 2010 fa parte della nazionale dello Zimbabwe di Coppa Davis, con cui ha vinto 33 dei 45 match disputati. Nel maggio del 2020 ha vinto il suo primo titolo in doppio in un Challenger a Lanceston ed in carriera ha fatto suoi 7 Futures, l’ultimo a settembre 2019.