Visita il Canale YouTube di Tennis-Time  |  icona fb  |  icona twitter  |  icona google plus

Stampa

IL PADEL PIU FORTE DEL COVID

Posted in Le altre racchette

La passione per il padel si è dimostrata in Emilia Romagna più forte anche del coronavirus. Certo, gli effetti della pandemia da Covid-19, con la conseguente emergenza sanitaria e le misure restrittive adottate dalle autorità, hanno condizionato e non poco l’edizione 2020 del Circuito regionale SideSpin (doppio maschile, femminile e misto categoria Open: possono partecipare anche i tesserati fuori regione), che però proprio in un momento tanto difficile ha confermato la profondità delle proprie radici e quindi di essere diventato un appuntamento pressoché irrinunciabile tra chi pratica questa disciplina sportiva, che sta conoscendo una diffusione senza eguali sia nel numero dei tesserati che in quello degli impianti. 

Il circuito, organizzato per il quarto anno consecutivo dalla Federazione Italiana Tennis (Comitato Padel) in collaborazione con l'azienda cesenate Match Point, per via del lockdown ha visto cancellate la metà delle 22 tappe che erano in calendario - il via era previsto a San Marino nel weekend a cavallo tra fine febbraio e inizio marzo, proprio quando sono arrivati i primi Decreti del governo e le ordinanze regionali – costringendo i promotori della manifestazione a “congelare” la formula della classifica interna al tour, che culmina poi in un Master finale, slittato dunque al 2021. Tuttavia, appena l’attività è ripresa, la maggior parte dei circoli aderenti ha sfruttato la possibilità di confermare l’evento. E così dal mese di luglio in poi sono andati in scena numerosi tornei: da Ca’ Marta Sassuolo a Torre Pedrera (Rimini), da Misano a Riccione, dal New River Piacenza al Park San Lazzaro, dallo 051 Casalecchio all’I-Padel Ravenna fino a Faenza che ha deciso di recuperare a fine ottobre la prova inizialmente prevista a marzo. Confermato alla Federazione l’intenzione di allestire il circuito 2021 con il proposito di toccare tutto il territorio dell’Emilia Romagna.

 

 

{youtube}ZtlEGsl9Odo{/youtube}

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione ne accetti le modalità d'uso.| Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI